Il blog di

Franco Stefanini

 

per una salute più CONSAPEVOLE

e una sanità più efficiente

e più sicura

contro gli errori perché non si ripetano

definizioni e consigli

leggi e procedure

eventi avversi e giustizia del malato

per sapere cosa fare e come comportarsi

per migliorare la sanità e il benessere di tutti

  • Franco Stefanini

Diritti del malato: facciamo il punto



Chi entra in ospedale ha diritto a trovare strutture efficienti, ha diritto a ricevere informazioni chiare, ha diritto a tempi d'attesa ragionevoli.

Non siamo noi a dirlo. Lo stabilisce la Costituzione, lo affermano le leggi, lo prevedono le raccomandazioni comunitarie. Per esprimere questi principi in forma comprensibile a tutti (e senza che il cittadino debba scartabellare tra mille atti e decreti), negli ultimi decenni sono nate le “carte del malato”, testi che di fatto sintetizzano quanto sancito (in forma più o meno esplicita) dalle norme in vigore. Esistono varie “carte del malato” (sia a livello nazionale che europeo): più o meno articolate, tutte ruotano attorno a una serie di diritti inderogabili. Vediamone alcuni:

Qualità delle cure e delle strutture

Il malato non solo ha diritto a cure idonee per la sua patologia, ma deve anche poter trovare strutture efficienti e accoglienti. Il pronto soccorso, ad esempio, deve essere ben organizzato e, se necessario, garantire un rapido ricovero nei reparti di competenza. Devono esserci presidi sanitari aperti 24 ore al giorno, ogni giorno dell'anno. In tutte le strutture ospedaliere, il personale è tenuto a rispettare le norme riguardanti igiene e pulizia degli ambienti.

Informazioni

Il malato ha diritto a essere costantemente informato sui trattamenti sanitari che lo riguardano e a ricevere le indicazioni in un linguaggio adeguato alla sua condizione e al suo livello culturale. Quando gli si chiede di sottoscrivere il “consenso informato”, è necessario che gli venga illustrato con precisione il tipo di intervento chirurgico o strumentale. Il paziente ha diritto alla riservatezza, soprattutto in momenti delicati come le visite e la stesura delle anamnesi. La cartella clinica (documento ufficiale nel quale non sono ammesse cancellature) deve poter essere consultata dal paziente.

Scelta

Il malato ha diritto a scegliere tra diverse procedure e, dove possibile, tra diverse strutture sanitarie.

Tutela della fragilità

Le strutture sanitarie devono essere accessibili alle persone disabili. Gli anziani e le persone con patologie gravi hanno diritto a un trattamento che ne tuteli la dignità. Le persone non autosufficienti devono essere assistite con una specifica attenzione.

Tempi

Il paziente ha diritto a ricevere le cure in tempi ragionevoli e a essere informato sui tempi d'attesa.

Risarcimento

In caso di errori o violazioni (e qui veniamo al punto che ci tocca più da vicino) il paziente ha diritto a una congrua riparazione del torto subito.

Obiettivi a cui tendere? Pura utopia? A ciascuna la sua risposta. Noi, comunque, continueremo a lottare perché questi non rimangano “diritti di carta”.

Fonti

Carta Europea dei Diritti del Malato. http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/questioni-di-vita/in-ospedale/la-carta-europea-dei-diritti-del-malato

Carta dei Diritti del Malato. http://www.camilliani.it/images/stories/file-pdf/Carta_dei_diritti_del_malato.pdf

#cartadelmalato #dirittidelmalatocometuterlarli

GLI ULTIMI ARTICOLI DEL BLOG

RISARCIMENTI MEDICI

sempre al tuo fianco

Coroca Group srl 

P.IVA 02077690978

Viale della Repubblica, 193 - 59100 PRATO (PO)

NUMERO VERDE GRATUITO 800-912453

mart, merc, gio 15:00 - 18:00

I NOSTRI AMBULATORI:

* TORINO      * MILANO

* GENOVA     * ROMA​