Il blog di

Franco Stefanini

 

per una salute più CONSAPEVOLE

e una sanità più efficiente

e più sicura

contro gli errori perché non si ripetano

definizioni e consigli

leggi e procedure

eventi avversi e giustizia del malato

per sapere cosa fare e come comportarsi

per migliorare la sanità e il benessere di tutti

  • Franco Stefanini

Le infezioni in ospedale uccidono più degli incidenti in strada



"L'ultimo nemico che sarà distrutto sarà la morte."

(Paolo di Tarso, Prima lettera ai Corinzi)

Che la morte sia inevitabile è ancora un fatto piuttosto certo e anche se sappiamo che le certezze di noi umani hanno vita breve, per ora pare che di fronte a quella non si possa scappare. Oggi parliamo dei numeri che abbiamo trovato circa le morti per infezioni in ospedale.

[Non è la prima volta che ci occupiamo di infezioni nosocomiali: un altro articolo qui]

Stando alle stime sembra che le infezioni ospedaliere facciano più morti degli incidenti stradali. E siano in aumento.

Possibile?

Davvero siamo più sicuri in auto che in una struttura sanitaria?

Così sembra.

Si stima che, in Italia, ogni anno tra le 4.500 e le 7.000 persone perdano la vita a causa di infezioni contratte tra reparti e corsie [fonte].

Per la cronaca, nel 2015 i morti sulla strada sono stati 3.419.

Non ci vuole molto, dunque, per fare i conti.

Il fenomeno ha grandi dimensioni e sembra sfuggire a ogni controllo.

Stando a dati recenti, tra il 5% e l'8% dei pazienti ricoverati nei nostri ospedali contrarrebbe un'infezione.

Fortunatamente, solo una parte relativamente piccola di questi incidenti ha esiti mortali.

Comunque, i costi (sia umani, sia economici) sono spaventosi.

La casistica è molto varia: tra i problemi più diffusi ci sono le infezioni delle vie urinarie e quelle delle ferite chirurgiche, poi le polmoniti e le varie forme di sepsi. I dati ci dicono anche che, con l'andar degli anni, purtroppo non si riesce ad arginare il fenomeno. Anzi, rispetto al 2007 ci sarebbero 4.000 casi in più.

A prima vista, pare che le regioni più esposte siano quelle del Nord [qui dati e tabelle].

In realtà però i casi vanno riferiti al numero di ricoveri. E di sicuro al Nord si ricovera di più, come confermano i dati sulla mobilità sanitaria.

Quale può essere il legame tra infezioni ospedaliere ed errori clinici?

La relazione è tanto ovvia quanto difficile da dimostrare. Spesso, infatti, le vittime sono pazienti immunodepressi, con un fisico molto fragile e debilitato. La loro particolare condizione li espone a rischi che in situazioni ordinarie non sarebbero tali. Da notare anche che, nei reparti in cui si fa grande uso di antibiotici, alcuni microrganismi diventano “resistenti”, rendendo più complesso il trattamento di guarigione.

Tutto questo è vero, ma è altrettanto vero che alcuni comportamenti da parte del personale medico aumentano in maniera esponenziale i rischi. Tra i problemi più comuni c'è, ovviamente, la scarsa igiene [vedi articolo qui]. Le segnalazioni dei pazienti, su questo versante, sono molte: si va dall'assenza di guanti sterili alla pulizia approssimativa degli strumenti diagnostici.

Qualcuno ha perfino denunciato casi di letti con la stessa biancheria usata per pazienti diversi.

Molte delle infezioni, poi, sono legate alla sala operatoria: anche qui, strumenti, garze e altre attrezzature non sterili.

Rispetto a errori “eclatanti” (tipo il chirurgo che opera la gamba sbagliata, di cui abbiamo parlato qui e qui), dimostrare la responsabilità medica nei casi legati a infezioni ospedaliere può essere complicato.

Ciò non significa che si debba gettare la spugna e arrendersi a un vecchio adagio popolare: “quando esci dall'ospedale (se esci) stai peggio di come sei entrato”. Fortunatamente, di solito, la realtà lo smentisce. Ma ancora troppe volte, invece, sembra confermarlo.

Per approfondire:

#infezionenosocomiale #igiene

GLI ULTIMI ARTICOLI DEL BLOG

RISARCIMENTI MEDICI

sempre al tuo fianco

Coroca Group srl 

P.IVA 02077690978

Viale della Repubblica, 193 - 59100 PRATO (PO)

NUMERO VERDE GRATUITO 800-912453

mart, merc, gio 15:00 - 18:00

I NOSTRI AMBULATORI:

* TORINO      * MILANO

* GENOVA     * ROMA​