Il blog di

Franco Stefanini

 

per una salute più CONSAPEVOLE

e una sanità più efficiente

e più sicura

contro gli errori perché non si ripetano

definizioni e consigli

leggi e procedure

eventi avversi e giustizia del malato

per sapere cosa fare e come comportarsi

per migliorare la sanità e il benessere di tutti

  • Franco Stefanini

La salute è un diritto



Non un’opportunità. Non un vantaggio. Non un lusso.

«La Repubblica tutela la salute come diritto dell'individuo e interesse della collettività».

Lo dice l’articolo 32 della nostra Costituzione.

Così è, così deve essere (o dovrebbe, dicono le vittime di malasanità).

Abbiamo il diritto all’assistenza, che deve essere garantita dal medico di base, e dalla guardia medica.

Abbiamo il diritto all’informazione e alla decisione.

Il personale sanitario deve informarci completamente sul nostro stato di salute, sulla malattia, la sua diagnosi e la terapia, e i rischi e le possibili conseguenze delle cure proposte. Solo così possiamo decidere consapevolmente se seguire o meno un determinato trattamento.

Abbiamo il diritto di essere trattati e curati allo stesso modo, indipendentemente dalla nostra estrazione sociale, dalla nostra ricchezza, dalla regione di nascita, e abbiamo il diritto, se non soddisfatti, di cambiare medico o cambiare la struttura.

Dobbiamo riuscire ad accedere alla diagnosi e alle cure in un tempo sensato, a seconda della gravità del caso.

Pronto soccorso, strutture pubbliche, strutture private convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale: devono garantirci l’accesso ai servizi sanitari in tempi appropriati.

E devono anche garantirci che le cure siano adeguate.

Devono mettere in atto controlli per prevenire gli errori, il cattivo funzionamento delle apparecchiature mediche, il diffondersi di infezioni ospedaliere.

E, se subiamo un danno, abbiamo il dovere oltre al diritto di richiedere il giusto risarcimento.

Infezioni nosocomiali, guasti tecnici, malpractice dovuti tanto all’incapacità o alla noncuranza del singolo quanto a problemi di organizzazione interna (mancanza di procedure e linee guida non adeguate, o un’adesione non corretta alle stesse; turni di lavoro estenuanti, con un conseguente maggiore rischio che si verifichi un errore umano; un numero eccessivo di pazienti: vorremmo non sentirne parlare, ma purtroppo accadono, e solo in parte sono evitabili.

Ecco il perché del nostro lavoro.

Aiutiamo chi ha subito un danno in ambito sanitario, un danno grave in cui la colpa sia chiaramente dimostrabile, a ottenere un equo risarcimento. Un team di esperti ci aiuta nell’analisi e nello studio dei casi che decidiamo di accettare, di seguire, di lottare affinché siano dimostrati e giustamente risarciti. Senza anticipi, mai.

Fonti:

Commissione Europea Salute Pubblica:

http://ec.europa.eu/health/cross_border_care/policy/index_en.htm

Quotidiano sanità:

http://www.quotidianosanita.it/cronache/articolo.php?articolo_id=28043

Cittadinanzattiva:

http://www.euractiv.it/it/news/salute-consumatori/7103-cittadinanzattiva-partecipazione-malato-fondamentale-per-successo-servizi-sanitari-ue.html

#tutelareildirittoallasalute #assistenzagratuitatribunaledelmalato #francostefaninicontroglierrorimedici

GLI ULTIMI ARTICOLI DEL BLOG

RISARCIMENTI MEDICI

sempre al tuo fianco

Coroca Group srl 

P.IVA 02077690978

Viale della Repubblica, 193 - 59100 PRATO (PO)

NUMERO VERDE GRATUITO 800-912453

mart, merc, gio 15:00 - 18:00

I NOSTRI AMBULATORI:

* TORINO      * MILANO

* GENOVA     * ROMA​