Il blog di

Franco Stefanini

 

per una salute più CONSAPEVOLE

e una sanità più efficiente

e più sicura

contro gli errori perché non si ripetano

definizioni e consigli

leggi e procedure

eventi avversi e giustizia del malato

per sapere cosa fare e come comportarsi

per migliorare la sanità e il benessere di tutti

  • Franco Stefanini

Ospedali e risse tra medici: a rimetterci sono i pazienti

Aggiornato il: 5 feb 2019



Complici con tutta probabilità lo stress, i turni infiniti e la tensione, non sono rari i casi in cui i medici litigano tra loro e questo non è mai un bene, non è mai divertente.

NON SIAMO IN UN FILM.

E quando partono pugni e insulti, come è successo a Nocera qualche anno fa, quando tre anestesisti e un chirurgo hanno dato vita a una scazzottata subito dopo un'operazione, o a Bari, dove a novembre 2017 due medici sono venuti alle mani finendo al Pronto Soccorso, a pagarne le conseguenze è sempre il paziente.

Sì, perché un naso rotto e qualche livido non sempre sono le uniche conseguenze di una tale, gravissima condotta: si sono da poco chiuse le indagini su una tragica vicenda accaduta all'ospedale Di Venere di Carbonara, dove una madre ha perso il proprio figlio a causa di un banale diverbio tra medici.

Incredibile vero?

Questo è quanto:

mentre i medici litigavano sull'utilizzo della sala operatoria la donna, a cui doveva essere praticato un cesareo d'urgenza, è rimasta senza monitoraggio per un'ora e mezza, e in quel tempo il bambino è morto soffocato dal cordone ombelicale.

Assurdo eh? E per quanto incredibile è solo uno tra i tanti episodi del genere che, seppure non sempre con conseguenze altrettanto tragiche, accadono periodicamente negli ospedali italiani (e non solo).

Non si tratta di imperizia, attenzione, ma dell'incapacità di mantenere il controllo, qualità indispensabile in un ambiente delicato come quello ospedaliero.

Sebbene il processo ai medici del Di Venere si sia concluso con diverse condanne, e i genitori del bambino siano stati risarciti con 440mila euro, è difficile dire se sia stata fatta realmente giustizia: i responsabili infatti, a causa della carenza di organico dell'ospedale, sono stati sospesi solo 7 giorni al mese per un anno.


Quello che ci auguriamo è che questa sentenza spinga altri pazienti, vittime involontarie dei bollenti spiriti dei medici, a denunciare questo genere di intemperanze, inaccettabili in un ospedale e in qualsiasi altro ambiente dedicato alla cura del malato.

FONTI

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/notizie/cronaca/2010/28-luglio-2010/nocera-rissa-medici-sala-operatoriacamici-bianchi-dritti-pronto-soccorso-1703475939358.shtml?fr=correlati

https://www.fanpage.it/bari-cambio-turbo-al-118-finisce-in-rissa-due-medici-in-ospedale/

http://bari.repubblica.it/cronaca/2017/10/11/news/bari_lite_tra_chirurghi_ritardo_il_parto_e_la_neonata_mori_5_indagati-177993888/

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/880897/bari-neonata-morta-dopo-la-lite-la-resa-dei-conti-tra-medici-tutti-sapevano-dell-urgenza.html

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/880531/bari-lite-tra-due-medici-per-l-uso-della-sala-operatoria-neonata-mori-per-un-ritardo.html

#risseinospedale #malasanità

GLI ULTIMI ARTICOLI DEL BLOG

RISARCIMENTI MEDICI

sempre al tuo fianco

Coroca Group srl 

P.IVA 02077690978

Viale della Repubblica, 193 - 59100 PRATO (PO)

NUMERO VERDE GRATUITO 800-912453

mart, merc, gio 15:00 - 18:00

I NOSTRI AMBULATORI:

* TORINO      * MILANO

* GENOVA     * ROMA​